Chorós Teatro è una compagnia teatrale che lavora mescolando il linguaggio performativo con quello visivo, ponendo il teatro come arte di prendersi cura dell’ambiente, dello spazio, e della comunità che lo abita. Con questa missione nascono i nostri progetti, che si sviluppano in spettacoli e performance, e laboratori espressivi. Abbiamo sede a Dergano, quartiere di Milano, siamo realtà appartenente alla Rete TiPiCi di teatro sociale della Città Metropolitana di Milano, e portiamo i nostri progetti, così come i nostri spettacoli, in diversi territori e realtà in tutta Italia, dove incontriamo bisogni e necessità di teatro come fonte di incontro, cultura e relazione.

Direzione artistica: Luca Bellé e Giada Fossà


I soci fondatori

Giada Fossà

Attrice, autrice e scenografa

Luca Bellè

Regista

Marta Martinelli

Attrice e autrice

Giada Fossà. Attrice, autrice e scenografa. Innamorata da sempre di storie da raccontare e di chi le racconta, scopre la bellezza dei molteplici linguaggi che l’arte utilizza per farlo. Inventa e guida, da una quindicina d’anni, laboratori artistici per bambini, ragazzi e adulti intrecciando il linguaggio visivo con quello del teatro e del teatrodanza. Dal 2017 fonda Choròs Teatro con Luca Bellè e marta Martinelli collaborndo come attrice, scenografa e autrice di spettacoli rivolti a bambini, ragazzi e adulti. Incontra il teatro sociale attraverso la collaborazione con Piccola Accademia di Cascina Biblioteca come operatrice di teatro sociale per adulti e bambini , esperienza che dieventa una cifra importante caratteristica del liguaggio teatrale che caratterizza la compagnia. Laureata in pittura all’Accademia di Brera affianca la formazione pittorica a quella teatrale studiando recitazione e teatrodanza presso il Faro Teatrale di Milano. Segue il lavoro di diversi maestri con una formazione permanente in campo performativo con la Compagnia Abbondanza-Bertoni, Thomas Richards, Kea Tonetti (Compagnia Kha) e Mamadou Dioume.

Luca Bellé. Regista teatrale. Fonda la compagnia teatrale Choròs Teatro nel 2017. Si forma presso la Civica Paolo Grassi e l’Università Cattolica del Sacro Cuore (Master di Teatro Sociale e di Comunità). Il suo viaggio nel teatro, iniziato con un percorso di recitazione e teatrodanza, ha attraversato lo studio del corpo in ambito performativo con la pratica della danza butoh, sotto la guida di Kea Tonetti e A. Takenouchi, con momenti di formazione con la Compagnia Abbondanza/Bertoni, ed è proseguito nell’arte della regia teatrale grazie all’incontro con importanti maestri come Eugenio Barba, Thomas Richards e Gabriele Vacis. Ha collaborato con diverse realtà quali il Teatro Officina, Cascina Biblioteca, Teatro Utile, esperienze di teatro sociale dalle quali ha appreso la capacità del teatro di raggiungere tutte le persone, di diversa cultura e esperienza di vita.

Marta Martinelli. Attrice e autrice. Pratica teatro da sempre, è diventata attrice professionista nel 2009: la sua formazione di base è radicata nel teatro comico e clownesco, con la frequentazione della scuola Barabba’s Clown e di numerosi maestri e amici (Filarmonica Clown, Bano Ferrari, Carlo Rossi…). Vince il premio per il miglior testo al Festival Nazionale del Cabaret, ed è tra i vincitori di due edizioni del Festival I Teatri del Sacro (2009, 2011).
Approfondisce la sua formazione accademica frequentando la Scuola di Teatro Arsenale diretta da Kuniaki Ida e parallelamente il Master di Alta Formazione di Teatro Sociale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Partecipa a numerosi seminari di formazione per approfondire diversi aspetti della teatralità (Teatro Elementare con Silvio Castiglioni, Clown Sociale con André Casaca e molti altri). Da 15 anni progetta, realizza e conduce laboratori teatrali in scuole e diverse realtà educative di ogni ordine e grado, curandone personalmente la strutturazione e mettendo in scena spettacoli teatrali ad hoc, originali o a tema, a seconda delle richieste dell’utente. A tale proposito ha recentemente creato un servizio dedicato chiamato “Fare teatro a scuola” e ha pubblicato due manuali di teatro specificatamente indirizzati alla scuola primaria e dell’infanzia




In scena con noi

Alessandro Pozza

Attore

Chiara Arossa

Operatrice teatrale

Delia Oddo

Attrice

Nicola Sirtori

Attore

Laura Angelone

Attrice e operatrice teatrale

Andra Lopez Nunes

Attore

Pietro Grava

Attore

Giulia Marchesi

Attrice

Fuori scena insieme a noi

Giulia Sara Borghi

Autrice

Stefania Buraschi

Autrice

Marta De Amicis

Organizzazione e comunicazione

La poetica

Choros è nell’antico teatro greco il complesso dei danzatori, il luogo dove il teatro incontra la danza e la musica, dove il racconto si fa lirico e viene narrato da un coro di voci e corpi che si muovono in sintonia. Questo seguire all’unisono un codice drammaturgico che scorre come energia elettrica attraverso lo scambio sensibile, sensoriale, somatico dà origine alla parola, al racconto, che non precede né prescinde da questo substrato invisibile.
Dalla varietà delle nostre esperienze artistiche e attitudini diverse dei componenti del gruppo e con l’urgenza di creare insieme nascono i nostri progetti culturali che desiderano raggiungere il pubblico di tutti i livelli che quando non è possibile attrarre, siamo noi a cercare e incontrare. La nostra ricerca artistica non vuole chiudersi a studiare in sala, bensì vive, si reinventa e si nutre nell’esperienza quotidiana all’interno dei nostri laboratori. Il nostro linguaggio teatrale sceglie di essere evocativo con uno sguardo attento al teatro danza per cercare freschezza e immediatezza nel raccontare le immagini che compongono il nostro immaginario. Spesso utilizza drammaturgie originali o creazioni nate all’interno dei laboratori poiché cerca commistioni per scoprire nuovi modi di raccontare.
Choros è per noi anche Il valore dell’incontro con l’altro importante per trovare la possibilità di un unione nella diversità. Volendo arrivare a più persone possibile, tuttavia ha l’ambizione di tenere insieme lo straordinario accanto all’ordinario, il lavoro raffinato con professionisti e parallelamente quello con non professionisti dove sperimentare in libertà. Da questo nasce il nostro teatro di comunità per camminare incontrando le caratteristiche e le necessità dei luoghi, come arte, non solo per praticata o fruita da chi lo pratica professionalmente, ma che diventa arte di prendersi cura delle persone che lo guardano e ne partecipano, nei luoghi che lo accolgono sapendo che la massima realizzazione avviene quando il racconto diventa condiviso con la comunità che incontra.
Infine Choros è Il guardare e cercare di tenere in vita questa raccolta di esperienze, persone, incontri, sguardi e punti di vista con l’anima stupita dell’infanzia che dentro ognuno di noi, all’improvviso, da separata si trova unita, con l’urgenza di cantare la gioia e il dolore di vivere in un unica voce, in un unica danza.